Skip to content

FAQ EDT / Piazzamento delle attività / Metodologia

  • Piazzamento delle attività
  • Metodologia
  • C'è un documento in pdf stampabile della Metodologia EDT?
  • Si, il documento è scaricabile dalla pagina della documentazione
  • Quanto tempo dura l'elaborazione dell'orario ?
  • A seconda della dimensione dell'istituto, una volta create le attività, l'elaborazione dell'orario può durare da una ½ giornata ( istituto con 700 allievi ) fino a 3 giorni ( istituto con più di 2000 allievi ).
  • Come posso evitare gli scarti dovuti ad incoerenze nell'inserimento dati ?
  • Prima di cominciare a piazzare le attività, potete verificare rapidamente se i dati inseriti non andranno a bloccare il piazzamento ed eventualmente apportare le giuste modifiche.

    In un primo momento verificate che:

    • tutte le attività siano state inserite,
    • non esistano doppioni,
    • se utilizzate i gruppi di aule: tutte le attività che non necessitano di una particolare aula abbiano associato un gruppo di aule e non un'aula singola.

    Dopodichè potete lanciare l'analisi dei vincoli dal menu Elabora > Lancia l'analisi dei vincoli sull'insieme di tutte le attività.
    L'analizzatore verificherà e visualizzerà tutti i vincoli che rendono matematicamente impossibile il piazzamento proponendo una soluzione e dandovi la possibilità di modifica direttamente da questa finestra.
  • Posso piazzare le attività in una volta ?
  • In genere no. In ogni caso, è preferibile piazzare le attività a step, cominciando da quelle il cui posizionamento è definito a priori continuando con le attività più difficili da piazzare ( attività complesse, laboratori, palestre, attività di lunga durata) e per ultime le attività semplici da 1 ora.

    Nota: è possibile che otteniate meno scartate lanciando il piazzamento di tutte le attività insieme ma sarà molto più difficile trovare una soluzione per quelle scartate a seguito di questo piazzamento.
  • In quale ordine piazzare le attività ?
  • Piazzate manualmente solo le attività con posizionamento deciso a priori e bloccatele utilizzando il lucchetto rosso Posizionamento > Blocca dall'ambiente Orario > Attività.

    Nella maggior parte dei casi, è consigliabile procedere con il piazzamento automatico (Elabora > Lancia un piazzamento automatico) estraendo per gruppi di attività (piazzamento a step) per arrivare poi a piazzare tutte le attività. Si elaborano prioritariamente le attività più difficili da collocare.

    Ad esempio, si procederà a piazzare nel seguente ordine:

    1. Le attività complesse, con più risorse coinvolte (es: laboratori, palestre);

    2. Le attività lunghe (con durata superiore ad 1h);

    3. Le attività con meno poche collocazioni possibili (utilizzate la colonna S.P. dell'elenco attività);

    4. Le attività restanti.

    Questo ordine può essere modificato secondo il tipo di istituto (ad esempio, negli istituti professionali, le attività lunghe saranno in genere le più numerose e difficili da piazzare). L’importante è dare sempre priorità all’elaborazione delle attività che coinvolgono più risorse.

    È necessario risolvere ad ogni step le eventuali attività scartate utilizzando il comando Risolvi > Piazza le attività scartate. Non proseguite con lo step successivo se sono ancora presenti attività scartate.

  • Quando è meglio utilizzare "Piazza le attività scartate" ?
  • Ogni volta che ci sono attività scartate a seguito di un piazzamento.
    Comando: Risolvi > Piazza le attività scartate
    Durante la prima fase di valutazione della base dati, utilizzate il metodo di elaborazione Standard in modo da identificare le cause degli scarti.
    Durante il piazzamento a step, utilizzate generalmente il metodo Avanzato , 2° livello di approfondimento.

  • Come posso creare i corsi di recupero?
  • Per programmare i corsi di recupero è necessario aver inserito gli alunni nella base dati (almeno gli alunni che prenderanno parte ai corsi di recupero). Questi alunni andranno aggiunti ai gruppi creati per la classe di appartenenza.

    Creazione dei gruppi
    1. Da Orario > Classi > Gruppi delle classi selezionate tutte le classi che hanno alunni che devono svolgere le attività di recupero, mantenendo premuto il tasto CTRL;
    2. Nella sezione Suddivisioni cliccate su +Nuovo per creare una suddivisione.
    3. Scegliete un nome (es: RECUPERO) e confermate premendo il tasto [Invio].
    4. Mantenendo la multiselezione delle classi, create tanti gruppi quante sono le materie da recuperare confermando ogni volta con il tasto [Invio] (es: MATEMATICA, CHIMICA, FRANCESE).
    5. Selezionate ora una singola classe ed il singolo gruppo. Per ogni gruppo, nella tabella in basso a destra, cliccate su +Alunno e selezionate ogni singolo alunno che fa parte di quel gruppo e che quindi seguirà le attività di recupero.

    Terminata l'assegnazione degli alunni ai gruppi sarà possibile creare le attività che avranno come pubblico non più la classe ma il/i gruppo/i.


    Creazione dei raggruppamenti
    Per comodità di assegnazione delle risorse alle attività, è possibile creare un insieme di gruppi che prende il nome di Raggruppamento.

    1. Da Orario > Raggruppamenti > Componenti cliccate su +Crea un raggruppamento
    2. Inserite un nome (es: REC. MATEMATICA PRIME) e confermate premendo [Invio].
    3. Selezionate il raggruppamento appena creato sulla sinistra e aggiungete dei componenti sulla destra, scegliendo tra i gruppi creati in precedenza (es: tutti i gruppi MATEMATICA delle classi prime).